Home Lavoro Trenitalia: al vaglio lo studio di una nuova piattaforma digitale
Trenitalia: al vaglio lo studio di una nuova piattaforma digitale

Trenitalia: al vaglio lo studio di una nuova piattaforma digitale

0
0

Trenitalia vuole diventare europea, nell’anima così come nella sua struttura, arrivando al 2020 con una presenza attiva su più mercati e forte di una robusta rete tecnologica da offrire ai suoi utenti. Questi sono gli obiettivi messi sul piatto dalla società di trasporti, che ha comunicato la volontà di dotarsi di una piattaforma tecnologica rinnovata, pronta a collaborare anche con la concorrenza. Questo sarà il cuore del piano industriale che la società presenterà il 28 settembre, il quale si concentrerà su dieci anni di sviluppo e sulla raggiunta quotazione in borsa.

Secondo le previsioni dell’amministratore delegato Barbara Morgante, Trenitalia punta a raddoppiare l’incidenza dei ricavi che arrivano dall’estero, perché attualmente il cuore è concentrato sul paese, con 6.9 miliardi di ricavi complessivi acquisiti nel corso del 2015. Guardando alle controllate, in Germania il gruppo Netonera vanta ricavi per 153 milioni di euro e la francese Thello segna il più per un valore di 30 milioni di euro. Trenitalia sta però partecipando a gare molto importanti, fra le quali quella che interessa la tratta Londra Edimburgo. Alla domanda perché si debba guardare all’estero, l’Ad di Trenitalia ha quindi risposto che è intenzione dell’azienda portare le eccellenze italiane in ambito europeo, al fine di crescere acquisendo aziende e diventando una società sempre più solida e attiva in tutto il tessuto europeo.

Le mire espansionistiche fanno quindi seguito alla necessità di dotare l’impianto di una struttura informatica completa e che sta dalla parte dei cittadini. Si tratta di un sistema che possa permettere ai clienti di diventare attivi fruitori, quindi di acquistare i biglietti online e di consultare agevolmente le rotte, le destinazioni e gli orari, conoscendo in velocità le offerte e le promozioni del gruppo. Un approccio smart quindi, che guarda all’Europa ma che si propone di rendere felici e contenti anche tutti i viaggiatori italiani.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *